news | Mar 05 Dic 2017

Italia-Cina,
il treno sulla
via della Seta
 

È partito da Mortara (Pavia) il primo treno merci diretto che collega l’Italia alla Cina, per la precisione arriva a Chengdu nella regione dello Sichuan. Una linea ferroviaria di 10.800 chilometri che riduce enormemente le distanze logistiche tra i due Paesi più che dimezzando il tempo di percorrenza delle merci via mare: sono infatti 18 i giorni impiegati dal treno per attraversare Austria, Slovacchia, Polonia, Bielorussia, Russia, Kazakistan e Mongolia lungo la nuova via della Seta, contro i 40-45 giorni necessari alle navi.
 

Mortara si trova in una posizione strategica tra Milano, Torino e Genova e questo collegamento rafforza la centralità logistica della Lombardia nel contesto nazionale. Per il momento è prevista la partenza di due coppie di convogli alla settimana che diventeranno 6 nel 2018 e 20 l’anno successivo, ma questo dipenderà anche dalle richieste del sistema produttivo.

La nuova via della seta 2.0 favorirà la cooperazione di più di 60 Paesi che, insieme, costituiscono il 63% della popolazione mondiale, il 30% del Pil e il 35% degli scambi commerciali internazionali.

L'interscambio commerciale complessivo dell'Italia con la Cina rappresenta il 5% del volume totale dei nostri scambi a livello internazionale, per un valore che nel 2016 ha superato i 38 miliardi di euro.

L'interscambio complessivo tra Lombardia e Cina vale più di 15 miliardi di euro ed è cresciuto sensibilmente negli ultimi anni (+40% dal 2008 a oggi).